Letture incolte

PicsArt_01-19-10.20.51.jpg

 a cura di Beatrice Galluzzi

 

Con il 2017 nasce una nuova rubrica: Letture Incolte.

Prenderemo dei libri che ci sono piaciuti, scritti da donne o da uomini e, tenendoci lontane dagli intellettualismi, vi diremo di che cosa parlano e perché ci hanno colpito.

In più, faremo degli abbinamenti con una canzone o un album che si possono ascoltare in sottofondo, e il periodo in cui sarebbe adeguato farlo (durante il divorzio, il natale, le vacanze, il viaggio di nozze, la crisi post-parto e così via). E questo, solo ed esclusivamente, attraverso uno spassionato giudizio personale il quale, appunto, può essere piuttosto discutibile.

In questa sede non ci interessano recensioni del tipo:

-Invero, al di là di qualche prossimità fonetica ed alcune singolari somiglianze con i Promessi Sposi del sommo Manzoni, mi astengo di giudicare l’autore di “L’aragosta con il vento tra le antenne”  di indegno furto letterario o di post-modernismo fallace”.

Leggi articoli:

IL MARITO PASSAPORTO

TU CHE ERI OGNI RAGAZZA

LA CASA INFESTATA DENTRO DI NOI: NADIA TERRANOVA E SHIRLEY JACKSON CI RACCONTANO I FANTASMI

PIÙ VELOCE DELL’OMBRA

LA FERROVIA SOTTERRANEA

QUELLO CHE HAI AMATO

LA FIGLIA OSCURA

L’OSPITE NOTTURNO