Pubblicato in: Madri snaturate

Ira materna

ira maternaRabbia. Quante di voi l’hanno provata nei confronti dei propri figli? Non figli adolescenti, con loro la rabbia è giustificata e socialmente accettata. Parlo di bambini piccoli, quelli che fanno facce buffe nelle pubblicità dei pannolini e strappano sorrisi anche ai più refrattari. Sì, proprio quei paciocchini teneroni.

Ecco che arriva il tabù. Posso quasi vedere l’orrore cominciare a dipingersi sul volto delle mamme incappate (forse per caso) in questa rubrica, pensando magari di trovarci qualche consiglio su come togliere le macchie di cacca dai body intimi.

Anche la rabbia macchia, ma non c’è Omino Bianco che riesca a rimuoverla. Continua a leggere “Ira materna”

Pubblicato in: Letture Incolte

La casa infestata da noi

Nadia Terranova e Shirley Jackson ci raccontano i fantasmi

di Beatrice Galluzzi

PicsArt_11-26-11.16.12(1).png

Quando ho aperto le pagine del libro di Nadia TerranovaAddio Fantasmi” (Einaudi, 2018) ho avvertito la presenza ingombrante di una casa, in una prospettiva del tutto inusuale. Assieme al tetto, nelle prime righe sembravano andare in frantumi anche le edificazioni della protagonista “Sì, sapevo che il tetto stava crollando – aveva cominciato a crollare fin dalla mia nascita, non aveva fatto che sgretolarsi e piovere in forma di polvere e calcinacci per tutta la vita che avevo vissuto lì dentro – ma non ne ero in alcun modo responsabile, non si ha colpa per le cose che non vogliamo ereditare e abbiamo già ripudiato”. Scavalcando l’allegoria, l’immagine di questo disgregamento mi è arrivata in modo feroce, provocandomi una nostalgia totalizzante. Ognuno di noi, ho pensato, proviene da una casa come quella: un edificio fintamente solido, un involucro labile che ci si porta appresso in ogni trasloco; un cappello di mattoni che funge da riparo malandato e non riesce a impedire all’acqua di insinuarsi, agli spifferi di passare tra le tegole, ai rumori di disturbare il sonno. Continua a leggere “La casa infestata da noi”

Pubblicato in: Attualità al femminile, Interviste difettose

Interviste Difettose: Sara Rabà

di Elena Ciurli

La protagonista di questa nuova Intervista Difettosa è Sara Rabà, un’artista poliedrica che ha trovato nella moda la sua forma espressiva primaria. L’entusiasmo, la voglia di conoscere e sperimentare si leggono in ogni sua parola e creazione, ma anche la “necessità di aprire il suo mondo ai giovani perché possano riscoprire valori, sensazioni, tradizioni e appartenenza a una cultura che è patrimonio infinito italiano.”

Continua a leggere “Interviste Difettose: Sara Rabà”

Pubblicato in: Letture Incolte

PIÙ VELOCE DELLʼOMBRA

di Beatrice Galluzzi

43771624_2214974688787289_7449272813841547264_n

Ho avuto il piacere di assistere alla presentazione di questo libro durante Inquiete Festival, a Roma. Ad avermi colpito è stato da subito il titolo, unʼopposizione alle credenze comuni, non uno scontato “più veloce della luce“: qui  la protagonista è più veloce dellʼombra. È propria questʼombra che si porta appresso Alessandra, una bambina figlia di genitori bellissimi – il padre somiglia a Magnum P.I. e la madre sembra una delle Charlieʼs Angels – che lotta contro gli sguardi degli sconosciuti e dei suoi familiari i quali, in ogni atteggiamento quotidiano, le ricordano quanto lei non rientri negli universali canoni di normalità. Normalità dalla quale Alessandra rifugge. È grassa, sgraziata e affonda le sue ansietà di bambina – poi di adolescente – nellʼabuso di cibo. Continua a leggere “PIÙ VELOCE DELLʼOMBRA”

Pubblicato in: Interviste difettose

Interviste Difettose: Caterina Palazzi

di Elena Ciurli

Iniziamo questa nuova stagione di Interviste Difettose con un’artista enigmatica che fa dell’originalità il suo punto di forza. Siamo felici di presentarvi Caterina Palazzi, musicista dal talento indiscutibile.  

La contrabbassista romana è una delle figure più carismatiche del nuovo jazz italiano, ma confinarla in un genere non ci piace per niente.

Entriamo nel suo mondo?

Continua a leggere “Interviste Difettose: Caterina Palazzi”

Pubblicato in: La scienza è donna

I figli son pezzi… di cellula!

di Alice Scuderi

mitocrondio-al-microscopioDiventare madre significa tante cose, tra le altre imparare a tollerare i confronti, di tutti i generi: tua figlia rispetto agli altri bambini, le tue scelte rispetto a quelle delle altre mamme, e ultimo, ma non certo per frequenza, la ricerca delle somiglianze fra la tua prole e i parenti.

È un dato di fatto che per la famiglia del papà la pargola sia in tutto e per tutto spiccicata a loro, sono capaci di tirarti fuori il trisavolo Nevio emigrato in Australia pur di scovare un dettaglio che li accomuni. A me non dà particolarmente fastidio: se l’ho sposato è anche perché lo trovo bello, quindi ben venga che mia figlia gli assomigli. Certo però che a sentirsi dire in continuazione che di tuo non ha niente, ti girano un po’ e poi, l’illuminazione: col cavolo, a mia figlia ho donato una cosa essenziale, che non ha niente a che fare con la famiglia di mio marito, ma che anzi deriva da mia mamma, e da mia nonna, e dalla mia bisnonna, e via così, fino alla prima donna in comune a tutte noi.  Continua a leggere “I figli son pezzi… di cellula!”

Pubblicato in: Letture Incolte

LA FERROVIA SOTTERRANEA

BIGSUR22_Whitehead_LaFerroviaSotterranea_cover

Ve lo dico: questo è un libro dove non cʼè redenzione. E non sto facendo spoiler, vi sto solo mettendo in allerta perché tutto ciò che troverete qui dentro vi allontanerà dalla vostra zona di conforto.

Colson Whitehead (premio Pulitzer 2017) nella Ferrovia sotterranea racconta un’avventura che parte dalla prima metà dell’800 nell’America schiavista del sud e – metaforicamente – arriva fino a noi,  nelle nostre case, permeando le idee tratteggiate su quello che vuol dire essere neri in un mondo di bianchi.  Continua a leggere “LA FERROVIA SOTTERRANEA”

Pubblicato in: festival letterario

Festival letterario “Scrittrici in Noir”

 

2018-22-06-15-18-26

Siamo davvero molto orgogliose di annunciarvi che, in collaborazione con il comune di San Vincenzo, abbiamo organizzato il Festival letterario “Scrittrici in noir”, interamente dedicato ad autrici italiane di romanzi neri, che si svolgerà in quattro diverse serate.

Il 21 luglio alle ore 21.15, ad aprire la rassegna in occasione della Notte Rosa, ci sarà l’evento di premiazione del nostro concorso internazionale “The Dark Side of the Woman“. Durante la serata sarà presentata anche l’antologia omonima curata da Donne Difettose con il supporto della casa editrice Il Foglio Letterario e sarà anche annunciata la vincitrice assoluta del contest. La serata sarà presentata da Sara Chiarei, brillante speaker di Radio Stop.

Le protagoniste delle altre serate saranno tre talentuose autrici, due delle quali hanno costituito la giuria del concorso “The Dark Side of the Woman”: Cristiana Astori, traduttrice e scrittrice di gialli che ha pubblicato per Mondadori ed Elliot Edizioni; Giorgia Lepore, storica dell’arte e archeologa, autrice per le edizioni E/O e definita da Maurizio de Giovanni “…la vera, grande nuova voce del romanzo nero italiano”; Violetta Bellocchio, scrittrice e traduttrice, ha collaborato con diverse riviste tra cui Internazionale, Wired e Rolling Stone. È fondatrice della rivista online “Abbiamo le prove” e docente della scuola Holden.

CLICCA QUI PER IL PROGRAMMA COMPLETO

Pubblicato in: concorsi

Ecco le vincitrici del concorso “the Dark Side of the Woman”!

risultati concorso

Care partecipanti, ecco qui i racconti che verranno pubblicati nell’antologia “The dark side of the woman” a cura di Donne Difettose, che uscirà a luglio 2018 con Edizioni Il Foglio Letterario.

Assieme ai racconti selezionati tramite il concorso ci saranno i nostri tre e due special guests: Arzachena Leporatti e Claudia Oldani.

Ringraziamo tutte le partecipanti, i testi che ci sono arrivati erano tutti davvero validi, e un grazie speciale alla giuria composta da Cristiana Astori, Veronica Galletta, Giorgia Lepore e Serena Scuderi. Grazie di cuore anche al presidente della giuria, nonché direttore della casa editrice: Gordiano Lupi.

Pubblicato in: Madri snaturate

MAMME DIFETTOSE…SI DIVENTA

di Alice Scuderi

madri.jpgLo ammetto, mea culpa. Anch’io avevo fatto annunci categorici prima del grande evento. Ma, come accade spesso, le aspettative si scontrano in un frontale violentissimo con la realtà. Ebbene sì, hai di fronte la “supermamma-ecologica-faccio-tutto-da-sola” (almeno questo è il titolo onorifico che mi attribuivo fino a qualche ora prima di partorire).

Poi, come dicevo, il mondo, quello vero, è entrato dalla porta del mio bilocale e ogni proposito è andato a farsi benedire.

Sono sicura che di super mamme ce ne sono tantissime, e mi piacerebbe fare un salto anche solo per un giorno nelle loro vite per vedere come avviene la magia. Forse, ma dico forse, possono contare su un salvagente familiare anche se, per carità, loro fanno tutto da sole e guai a metterlo in dubbio. Continua a leggere “MAMME DIFETTOSE…SI DIVENTA”