Pubblicato in: Donne Seriali

La morte è l’unica dieta che funziona – in Santa Clarita Diet

di Francesca Santi

Nel precedente articolo avevo preannunciato che avrei recensito un’altra serie sui “non morti”: dopo avervi parlato di un “teen drama”, ho optato per una commedia nera, un prodotto d’evasione come “iZombie”, ma che reinventa una tematica sin troppo sfruttata, puntando tutto sull’ironia.

Continua a leggere “La morte è l’unica dieta che funziona – in Santa Clarita Diet”
Pubblicato in: Staffetta letteraria

Né finzione né realtà. Nel mondo “difettoso” di Shirley Jackson

di Mimma Rapicano

Emanuela Cocco, che ringrazio di cuore, mi ha invitata a partecipare alla #StaffettadiDonneDifettose. Il mio contributo, in accordo con lei, invece che in video sarà scritto. Per la staffetta ho deciso di presentare, per chi ancora non l’avesse letto, il racconto breve La lotteria della scrittrice statunitense Shirley Jackson (1916-1965).

Continua a leggere “Né finzione né realtà. Nel mondo “difettoso” di Shirley Jackson”
Pubblicato in: Attualità al femminile, Interviste difettose, Senza categoria

L’arte non ha genere: Valentina Formisano

di Elena Ciurli

Questo appuntamento delle Interviste Difettose è dedicato a Valentina Formisano: artista dal talento enorme e dalla sensibilità tridimensionale, che utilizza ogni mezzo espressivo per dare forma alle sue ispirazioni. Pittura, illustrazione, incisione, installazioni, racconti, Valentina non si ferma proprio mai.

Le abbiamo fatto alcune domande per farci conoscere le sue creature, le sue storie.

Ritratto-vale

Continua a leggere “L’arte non ha genere: Valentina Formisano”

Pubblicato in: Attualità al femminile, Donne Seriali

Perché guardare iZOMBIE

di Francesca Santi

Vi dirò la verità: ho aperto il mio bel documento Word nuovo di zecca con l’idea di scrivere un pezzo sui personaggi femminili di “Bojack Horseman”, una serie che vanta una sceneggiatura quasi perfetta e che in alcune puntate tocca vette pressoché irraggiungibili, ma ho desistito subito. Il motivo è presto detto: la depressione è il fil rouge della storia, dunque ne parleremo più in là, in frangenti meno drammatici, quando potremo riabbracciarci, piangendo dopo la visione di capolavori in pillole del calibro dell’episodio “Free Churro”, che non guarderete fino alla fine dell’emergenza… promettetemelo!

Continua a leggere “Perché guardare iZOMBIE”

Pubblicato in: Madri snaturate

La quarantena delle madri

di Alice Scuderi

smartSiamo al giorno millemila di clausura forzata. Ormai quello che era partito come un consiglio, è diventato prima un mantra e poi un ordine perentorio, che insieme alla paura del terribile virus sta generando nuove forme di violenza da balcone (la gente che ti sputa dalla finestra se ti vede andare al cassonetto, il mirino del fucile puntato se ti avvicini alla tua auto e non hai la mascherina). Continua a leggere “La quarantena delle madri”

Pubblicato in: le scappate di casa

Le scappate di casa: Nellie Bly ‒ e lʼenigma: a cosa servono le donne?

di Ilaria Petrarca

Nellie Bly ‒ e lʼenigma: a cosa servono le donne?

Secondo Vanessa Veselka, autrice e autostoppista, «un uomo sulla strada viene catturato nell’atto di un divenire mentre una donna sulla strada ha qualcosa di gravemente sbagliato. Il semplice fatto che sia là fuori dice qualcosa di lei che è spaventoso».

Chissà cosa ne avrebbe pensato Nellie Bly, giornalista dʼassalto nella New York di fine ʼ800, una donna che per superare i confini e raccontarci cosa cʼera oltre si è addirittura finta pazza!

«È giustificabile mentire un poco per ottenere la verità. Io mento soltanto sulla mia età e sul mio nome» scriveva. Secondo i documenti ufficiali è nata vicino Pittsburgh nel 1864 con un nome più lungo e meno frivolo. A casa era “Pinky” perché vestiva di rosa, colore adatto al carattere docile che mai svilupperà.

Continua a leggere “Le scappate di casa: Nellie Bly ‒ e lʼenigma: a cosa servono le donne?”

Pubblicato in: Interviste difettose

La fabbrica dei sogni di carta: Sartoria Utopia

di Elena Ciurli

Questo è un momento molto difficile per tutti e l’Intervista Difettosa del mese vuole essere un messaggio di speranza, un modo per godere di un po’ di bellezza, per valorizzare l’arte con il suo grande potere comunicativo e terapeutico.

Ecco perché entrare nel mondo di carta di Francesca Genti e Manuela Dago con la loro Sartoria Utopia, ci sembrava il modo perfetto per farvi un regalo che vi farà volare via lontano, fuori dalle vostre case, dai vostri pensieri più cupi.

Continua a leggere “La fabbrica dei sogni di carta: Sartoria Utopia”